M’incanto… quelle lunghe braccia sul mare. Protese verso il cielo, mi rimandano all’idea di un abbraccio, di un’attesa di una supplica. Il mistero quasi mi confonde: più non so se appartengo alla terra, al mare o al cielo o forse un poco a tutti.

Carlo Iezzi